Civici Carabinieri Lugano

Calendario Tiro obbligatorio Match a terra Corsi di tiro Campionato sociale


Profilo
Discipline
Attività
Giovani tiratori
Foto album
Download
Contatti
Link
Login
Cloud




  Profilo



La società in breve
Lo sport del tiro a segno
Lo stand di tiro
Cenni Storici

La società in breve


La Civici Carabinieri Lugano, attiva da circa 175 anni, è una delle più vecchie società sportive del Ticino e, con oltre 400 soci attivi e sostenitori, è anche la più grande società di tiro del Cantone. Sui suoi 5 poligoni è possibile praticare tutte le discipline di tiro sia con il fucile sia con la pistola. Annualmente vengono organizzate ben 7 manifestazioni sportive, da quella locale a carattere ricreativo a quelle agonistiche di respiro nazionale e internazionale. La sede sociale è presso il poligono della Ressega, che è una delle infrastrutture di questo tipo più importanti del cantone.

Edificio principale (1949)

La società, molto attiva a livello agonistico, pone anche un forte accento sulla formazione delle giovani leve, per le quali organizza annualmente corsi di istruzione e di specializzazione.

Lo sport del tiro a segno


Lo sport del tiro a segno, a differenza della maggior parte delle discipline sportive, non presuppone una particolare costituzione fisica nè doti particolari e può essere praticato da chiunque goda di buona salute, donne e uomini, a partire dall'età minima di 10 anni. Verso l'alto non vi sono invece limiti; il più vecchio campione olimpico di sempre è stato un tiratore di 72 anni.

Il tiro è disciplina olimpica fin dalla prima edizione delle olimpiadi moderne del 1896.

Questo sport può essere praticato non solo da chi vuole cimentarsi nella competizione, ma anche da coloro, che per motivi diversi, vogliono praticare un'attività a livello puramente amatoriale. La sua pratica favorisce e sviluppa la capacità di concentrazione e d'analisi, la coordinazione dei movimenti e la resistenza allo stress.

Lo stand di tiro


Il primo poligono di tiro sociale sorgeva nella zona dove attualmente vi è il Palazzo dei Congressi, su quella che oggi è Piazza Castello; il secondo fu costruito invece nella zona della Madonnetta, ove sorgono ora le Scuole Medie di Viganello. Qui vi rimase fino al 1950, quando fu inaugurato l'odierna struttura in zona Ressega, in territorio di Porza, sito tra la pista di ghiaccio e i centri commerciali.



La struttura attuale permette la pratica di tutte le discipline tradizionali del tiro, sia al fucile che alla pistola. Accanto ai cinque poligoni non mancano ovviamente tutte quelle strutture oggi necessarie: uffici, depositi, sale riunioni, nonchè un'ampia buvette, che funge anche da sede sociale.
Questa vocazione di porsi come un vero e proprio centro per l'esercizio di questo sport, fa dello stand di Lugano una delle strutture più importanti del cantone. Nell'edificio principale vi sono i seguenti quattro poligoni:
  • Fucile 300 m: 12 bersagli elettronici SIUS ASCOR 8800 più 4 manuali Leu+Helfenstein
  • Fucile 50 m: 8 bersagli elettronici SIUS ASCOR 931
  • Pistola 50 m: 6 bersagli a spola Leu+Helfenstein
  • Pistola 25 m: 2 carrelli a spola con 5 bersagli l'uno Leu+Helfenstein
Tutte le line di tiro, orientate verso nord (2' NNE), sono orrizontali. Nell'edificio secondario trovano poste tutte le infrastrutture del poligono 10 m con:
  • Fucile e Pistola 10 m: 28 bersagli elettronici SIUS ASCOR intercalati da 12 bersagli a spola Leu+Helfenstein
  • Pistola 10 m: sistema automatico a 5 bersagli per il tiro rapido Leu+Helfenstein
Davanti agli edifici vi è un ampio parcheggio. In occasione delle grandi manifestazioni sportive il percorso è segnalato dall'uscita autostradale di Lugano Nord.
Alla pagina contatti vi sono tutte le informazioni per raggiungerci.

Cenni storici


Il tiro a segno in Ticino
Le origini dello sport del tiro risalgono molto indietro nel tempo, ma la sua diffusione in Svizzera può essere situata nel XV secolo. In Ticino esso si sviluppa solo a partire al 1800, non da ultimo grazie all'interessamento ed al sostegno di influenti personaggi politici di quell'epoca; basterà citare, per tutti il consigliere federale Stefano Franscini.

Stefano Franscini, statista (1796 - 1857)

La società, molto attiva a livello agonistico, pone anche un forte accento sulla formazione delle giovani leve, per le quali organizza annualmente corsi di istruzione e di specializzazione.

La Società Civici Carabinieri di Lugano
La storia della Civici Carabinieri Lugano è indissolubilmente legata alla storia della sua città e del suo cantone. Purtroppo documenti che attestino esattamente la data della fondazione e chi ne furono promotore sono per il momento introvabili. Le poche fonti storiografiche note portano però a supporre che sia nata poco dopo il 1830 e che tra i soci fondatori ci fossero personalità di spicco della vita luganese come Giacomo Luvini-Perseghini. Non vi sembrano comunque esserci dubbi sul fatto che la fondazione della Società dei Civici Carabinieri di Lugano, che fu la prima denominazione del sodalizio, debba essere coeva a quella della Società dei Carabinieri Ticinesi, la cui seduta costitutiva è avvennuta al Monte Ceneri il 30 settembre 1832.

Carta intestata, Società dei Carabinieri di Lugano (1860)

A Lugano già nel 1830 era stata istituita la Guardia Civica, la quale contava un centinaio di militi comandati da Giacomo Luvini-Perseghini. Fu proprio questo gruppo di patrioti che con l'aiuto della popolazione nel 1839 prima si ersero a difesa della Riforma del 1830 e poi nel 1841 impedirono che un gruppo di rivoltosi portasse a termine un colpo di stato mirante alla restaurazione del precedente regime. In occasione della cerimonia inaugurale del vessillo sociale avvenuta al Tiro cantonale di Locarno del 1839, il Consigliere di Stato Stefano Franscini ringraziava il Luvini-Perseghini, ribadendo in particolare il legame della Società dei Carabinieri di Lugano alla loro città e alla loro influenza sul destino di questa e del cantone.

... Lugano è stata la culla della libertà del Ticino
nel 1798.

Lugano la culla della emancipazione politica del
1830.

Lugano nel 1831 la culla della patriottica
istituzione de' Carabinieri.

In ogni tempo Lugano si è chiarita per sede e
centro dello spirito liberale e di sociale
progresso ...
Colonello Giacomo Luvini-Perseghini, statista
(1796 - 1857)


Dalla politica allo sport
Nell '800 la nascita delle società sportive (carabinieri, ginnastica, club alpino) rispondeva essenzialmente a una necessità di carattere patriottico-civile più che sportivo. Risultava quindi logico il riferimento a una ben determinata area d'influenza politico. Da ricordare che durante questo periodo l'iscrizione a una società o sodalizio, sia sportive che non, sottostava alla provata fede politica del candidato. Per quanto riguarda la Società dei Civici Carabinieri di Lugano in particolare, la sua appartenenza all'area liberale viene sottolineata dal vessillo, inaugurato nel 1910 con il Tiro Cantonale Liberale, sul quale campeggia la fiaccola, simbolo di quel liberalismo, che ne aveva caratterizzato e ne caratterizzerà profondamente la sua storia.

          
Lato destro della bandiera (1910)            Lato sinistro della bandiera (1910)

Alla Società dei Civici Carabinieri di Lugano vi era però anche già un forte spirito sportivo, che trova riscontro nelle numerose soluzioni adottate per permettere la pratico del tiro a segno anche a coloro che non potevano, per fede politica, essere ammessi in società. Troviamo quindi nel 1870 la Società dei Tiratori di campagna, aperta a tutti i cittadini luganesi, per lo svolgimento dei tiri volontari e nel 1903 la sezione Il Guidone per la partecipazione alle Feste di Tiro. La clausola politica verrà poi stralciata nel 1940.

Tra le varie manifestazioni sportive organizzate accanto agli innumerevoli tiri politici, distrettuali e commemorativi troviamo ben 8 edizioni del Tiro Cantonale: 1836, 1849, 1853, 1862, 1875, 1922, 1959 e 1975; nonchè il Tiro Federale del 1883, che per magnificenza e organizzazione venne eguagliato solo verso la metà del '900. Il successo fu tale che il ricordo rimase per numerosi decenni nella memoria sia dei luganesi sia dei tiratori di tutta la Svizzera.